I miei lavori

Stemma in pietra serena

Questo e’ lo stemma dei Conti Mazzei di Fonterutoli (Siena). Ho eseguito la lavorazione di questo stemma utilizzando un massello di pietra serena di prima scelta. Lo stemma e’ stato da me collocato sulla chiave di volta dell’ arco in pietra dell’ ingresso principale di una delle proprieta’ della famiglia Mazzei a Fonterutoli.

I miei lavori

Scultura: Stemma dei conti Mazzei di Fonterutoli

Stemma realizzato in Pietra Serena, completamente scolpito a mano, copiando lo stemma originale fornito dalla famiglia Mazzei.

La riproduzione è stata scolpita prevalentemente a ferro e mazzolo.

Lo stemma misura 40x90cm.

I miei lavori

Restauro e parziale ricostruzione di un antico caminetto in…

Questo e’ un antico caminetto del 1600 precedentemente smontato restaurato e poi rimontato. Ho rifatto i montanti laterali scegliendo un filare di pietra piu’ simile possibile alla pietra del caminetto antico.

I miei lavori

Copia della base della Giuditta e Oloferne di Donatello

Nel 1987 ho eseguito sotto le dipendenze della ditta Sollazzini e sotto la direzione dello scultore maestro Aligi Fabbri, la copia della base in marmo e granito della Giuditta e Oloferne di Donatello. Aligi Fabbri era un abile tecnico della scultura e del mosaico fiorentino, mi ritengo fortunato e onorato di essere stato suo allievo.

I miei lavori

Caminetto in travertino

Ho eseguito questo elegante caminetto sotto la direzione dell’ Architetto Lorenzo Polvani della ditta Pietre di Rapolano. Il caminetto e’ in travertino scolpito a mano, parzialmente stuccato e successivamente spazzolato e trattato a cera. Questo tipo di lavorazione da alla materia del travertino un carattere antico. L’impressione che si ha osservando questo caminetto e’ che sia antico e da poco restaurato. L’Architetto polvani non mi ha solamente seguito nella realizzazione di questo caminetto da lui disegnato, ma come si puo’ vedere nelle foto, mi ha anche seguito nell’esecuzione e nel montaggio, insieme al Geometra Neri Polvani della ditta Pietre di Rapolano.

Open chat
Powered by